April 2, 2016: Exclusive opening of the Catacomb of Pretestato and Sculpture Museum (by reservation)

Praetextatus3

Sabato 2 Aprile 2016 ore 16:00 Le Catacombe di Pretestato e il museo. Permesso speciale - Visita esclusiva/
Visit to the Catacomb of Pretestato and Sculpture Museum.  By reservation only at: http://www.laboratorio104.it/tours/le-catacombe-di-pretestato-e-il-museo-visita-esclusiva-permesso-speciale-sabato-2-aprile-2016-ore-16-00/
E’ concessa l’apertura su richiesta che prevede la presenza di un fossore. La visita sarà a cura di uno studioso della Pontificia commisione di Archeologia Sacra.
Max 15 persone. Contributo 23.00 euro con prepagamento
Info e prenotazioni: labcentoquattro@gmail.com
Tra la la Caffarella e la via Appia Antica sorge un complesso di catacombe che prende il nome di Pretestato.Il sito è chiuso al pubblico.
Su Pretestato non si sa nulla; è forse da identificare con un proprietario del terreno o con un toponimo preesistente.
La catacomba fu scavata nel sito del Triopeion, vasta area oggi occupata dal complesso di Massenzio, dal Mausoleo di Cecilia Metella e in parte dalla valle della Caffarella, di proprietà di Erode Attico. Illustre personaggio di origine ateniese, filosofo, letterato, precettore degli imperatori Marco Aurelio e Lucio Vero.
Alla sua morte il vasto possedimento fu integrato al demanio imperiale e poi utilizzato come luogo di sepoltura di personaggi di alto rango.
Ad un’origine idraulica è forse da attribuire la cosiddetta Spelunca Magna, una lunga galleria (circa 100 m per 2 m di larghezza) con ingresso in piano e brevi diramazioni, anteriore alla catacomba e che ne costituirà un asse portante.
Nella catacomba che si sviluppa globalmente su tre livelli, sono stati identificati tre nuclei certamente precostantiniani, in seguito i tre nuclei primitivi conobbero fasi di approfondimento e di espansione con regioni diverse. Analogamente ad altre catacombe, anche in quella di Pretestato sono diversi i martiri ed i santi ricordati e celebrati. Nel sopraterra, in due distinte basiliche, oggi scomparse vennero commemorati i santi Tiburzio, Valeriano, Massimo e Zenone.
Nella spelunca magna poi erano disposte quattro stazioni devozionali, ove erano stati sepolti cinque martiri: il vescovo Urbano, Felicissimo e Agapito e Gennaro.
Scavi sistematici condotti, tra il 1847 e il 1872, da Giovanni Battista de Rossi portarono non solo la scoperta della catacomba, ma alla sua identificazione con quella di Pretestato.
Permesso speciale ed esclusivo
All’interno non è consentito fare fotografie e usare un abbigliamento e scarpe comode. E’ sconsigliato a chi soffre di claustrofobia
Il sito è gestito della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.
Per questa visita è previsto il prepagamento della quota ento il 20 marzo 2016. Per prenotazioni e informazioni: labcentoquattro@gmail.com – info@laboratorio104.it
www.laboratorio104.it
Appuntamento: ore 15.45 in via Appia Pignatelli, 11
Inizio visita: L’inizio della visita è previsto per le 16.00. appuntamento dalle 15,30 per permettere di svolgere le consuetudinarie pratiche dell’accoglienza.
Durata di visita: 1 ora e 30 ca.
Chi dovesse rinunciare alla visita in extremis nonostante il pagamento anticipato perderà comunque la quota versata
Indirizzo: via Appia Pignatelli, 11. Si consiglia di posteggiare per chi venisse in auto al vicolo di S. Urbano e poi procedere a piedi sull’Appia Pignatelli. Oppure prendere l’autobus 118 e scendere alla biforcazione con l’Appia Antica