Corso di formazione in Archeologia Giudaica 2-31 maggio 2018 (Roma)

(Link) Corso di formazione in Archeologia Giudaica realizzato in convenzione con la Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma
Anno Accademico 2017/2018, Edizione I
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società CeRSE.

E’ attivato nell’Anno Accademico 2017/2018 dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e Società, CeRSE (Centro Romano di Studi sull'Ebraismo) in collaborazione con la Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma, il Corso di formazione in Archeologia Giudaica.

Calendario delle lezioni (Calendario lezioni Corso Archeologia Giudaica pdf)

Mercoledì 2 maggio 2018
Ore 9,30-13,30/14,30-18,30:
FAUSTO ZEVI, L’archeologia ebraica:note introduttive
ALESSIO DE CRISTOFARO, Archeologia, storia e antropologia: vecchi e nuovi approcci metodologici dell’archeologia funeraria
ELSA LAURENZI, Lutto e sepoltura degli ebrei nei primi secoli dell’Evo moderno: riti, tradizioni, simbologie
MICAELA VITALE, Parole e simboli: lingue e segni nell’epigrafia funeraria ebraica 1

Giovedì 3 maggio 2018
Ore 9,30-13,30/14,30-16,30
ALESSANDRO CAMPUS, Sincretismo religioso, linguistico ed epigrafico nella catacomba di Sirte
GIOVANNI DI STEFANO-ANGELICA FERRARO, Aree funerarie ebraiche siciliane in necropoli miste; Ipogei e sepolture sub-divo giudaiche in Sicilia
GIOVANNI DI STEFANO-ANGELICA FERRARO, La cultura materiale ebraica: gli indicatori archeologici nei contesti siciliani
ALESSANDRO CAMPUS, Presenza ebraica al di fuori dell'area siro-palestinese e interazioni con le altre culture

Martedì 8 maggio 2018
Ore 9,30-13,30/14,30-18,30
DANIELA ROSSI, Archeologia urbana pluristratificata e sviluppo storico di alcuni siti di interesse ebraico a Roma
ELSA LAURENZI, La catacomba ebraica di Vigna Randanini
MICAELA VITALE, Parole e simboli: lingue e segni nell’epigrafia funeraria ebraica 2

Mercoledì 9 maggio 2018
Ore 9,30-13,30 / 14,30-16,30
MARZIA DI MENTO, Le catacombe ebraiche di Venosa
GIANCARLO LACERENZA, Venosa ebraica: nuovi interventi per la conoscenza e la fruizione
VINCENZO FIOCCHI NICOLAI, Archeologia funeraria giudaica e cristiana a confronto: l’esempio di Roma
CINZIA VISMARA, Ebrei e impero romano: problemi aperti

Giovedì 10 maggio 2018
Ore 9,30-13,30
DANIELA ROSSI - MARZIA DI MENTO, Le catacombe ebraiche di Villa Torlonia alla luce delle recenti campagne di restauro
DANIELA ROSSI- MARZIA DI MENTO, La catacomba ebraica di Monteverde: dal riesame dei documenti di archivio alle nuove ipotesi di localizzazione
MARZIA DI MENTO, Il Campus Iudaeorum e le antichità ebraiche nel Trastevere di età medievale

15, 17 e 18 maggio 2018
Visite alle catacombe, con esercitazioni, laboratori, e tirocini

Il Corso si rivolge a tutti gli interessati. È aperto, infatti, sia a studenti che intendono implementare il loro percorso formativo nelle discipline archeologiche che a studiosi impegnati in ambito universitario o negli istituti di ricerca nella ricerca archeologica, a funzionari archeologi preposti alla musealizzazione, tutela e valorizzazione dei beni archeologici dello Stato e degli Enti Locali, nonché a responsabili e/o operatori nel settore della tutela e valorizzazione dei beni archeologici in ambito privato, o a semplici appassionati.

Il corso mira a fornire le seguenti principali abilità:
- applicare un approccio metodologico interdisciplinare nella lettura e interpretazione dei dati archeologici;
- contestualizzare nel quadro storico antico le principali evidenze della civiltà giudaica nei primi secoli dell’era volgare;
- evidenziare lo sviluppo diacronico delle manifestazioni culturali ebraiche, con particolare riferimento ai luoghi di sepoltura, alle strutture religiose e alla cultura materiale annessa;
- storicizzare ed inquadrare geograficamente luoghi, monumenti e manufatti per coglierne l’eredità e gli effetti fin nel presente.

Requisiti di ammissione e iscrizione al Corso: Possono partecipare alla selezione per l’ingresso al Corso tutti coloro che siano in possesso di un diploma di maturità.
Quota d’iscrizione: La partecipazione è subordinata al versamento di una quota di importo pari a 300 euro. Una riduzione del 25% è prevista per studenti già iscritti presso uno dei Corsi di Studio dell’Università di Roma Tor Vergata, per dipendenti del MiBACT e per operatori culturali della Comunità Ebraica, dietro presentazione di relativa certificazione da allegare alla domanda di iscrizione.
Il Corso potrà non essere attivato se non si dovesse raggiungere un numero sufficiente di iscrizioni. Il numero massimo dei partecipanti è 50. Il numero minimo di studenti al di sotto dei quali il Corso non sarà attivato è 20. Tale numero minimo può diminuire in presenza di altre coperture finanziarie.
Durata: La durata complessiva del Corso è di 60 ore. Il Corso avrà inizio il 3 maggio 2018 e terminerà il 31 maggio 2018. L’attività formativa comprende attività di didattica frontale organizzati con lezioni e seminari in aula. Il programma dettagliato sarà comunicato sul sito.
Articolazione e programma: Il corso consiste in un ciclo di lezioni di 60 ore complessive (34 ore di lezioni frontali e 26 ore di project work), distribuite in tre moduli:
1) in un primo modulo si affronteranno i seguenti temi: Nuovi approcci metodologici all’archeologia funeraria; Inquadramento storico, dalla formazione delle prime comunità giudaiche alla diaspora; Lineamenti di epigrafia; Problemi epistemologici.
2) in un secondo modulo si affronteranno temi connessi all’urbanistica e alla topografia dei luoghi di sepoltura giudaici a Roma, soprattutto in rapporto allo sviluppo urbano coevo, alle modalità di deposizione, agli elementi di corredo, agli apparati epigrafici e ad eventuali elementi della cultura immateriale. Oltre al quadro storico-religioso, si affronterà il tema della persistenza e dell’abbandono che scandirono le vicende di luoghi e costruzioni giudaiche nel corso del tempo, cercando di comprendere il perché dei loro esiti nelle città odierne.
3) In un terzo modulo si analizzeranno in dettaglio il problema della contestualizzazione dei reperti ebraici in Italia e alcuni esempi particolarmente significativi delle stesse classi di manufatti e materiali in Italia meridionale e in Sicilia, ponendo l’attenzione sugli effetti di sincretismo religioso che la cultura greca, qui persistente, ha nei confronti delle comunità giudaiche. Verranno anche presi in considerazione alcuni manufatti e il valore che è loro possibile assegnare come indicatore archeologico della presenza ebraica.
4) La sessione finale è una sessione di project work o attività pratico-laboratoriali, con visite guidate alle catacombe ebraiche di Roma e attività finalizzate alla schedatura e alla classificazione di contesti o reperti
Valutazioni: Al termine del Corso l’iscritto dovrà sostenere una prova di verifica del profitto, consistente in una prova orale, al superamento della quale verranno rilasciati 6 CFU. La Commissione esaminatrice è nominata dal Direttore del CeRSE e dal Coordinatore del Corso ed è composta da tre a cinque Docenti del Corso. La valutazione di fine anno è espressa in trentesimi e tiene conto delle presenze effettive alle lezioni e della verifica delle competenze acquisite nei temi trattati e nelle attività laboratoriali.
Corpo Docente: Il corpo docente è composto da Docenti dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” o di altri Atenei italiani o esteri o di altri organismi nazionali e internazionali e da esperti designati secondo le modalità previste dal relativo Regolamento di Ateneo per il conferimento degli incarichi di insegnamento ai sensi dell’art. 23 della legge 240/2010 (art. 8).
Sede Amministrativa: La sede universitaria amministrativa è la Segreteria amministrativa del Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e Società dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”,
Sig.ra Lorella Colapicchioni
Ed. B, st. 32/4
via Columbia 1, 00133 Roma
tel. 06/72595121
colapicchioni@lettere.uniroma2.it
Sede delle attività didattiche
Le lezioni frontali, i seminari, nonché le attività di coordinamento e organizzazione, si terranno
presso il Dipartimento d Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e Società dell’Università degli
Studi di Roma “Tor Vergata”, via Columbia 1, 00133 Roma.
Obbligo di frequenza
La frequenza al Corso è obbligatoria e deve essere attestata con le firme degli iscritti. Una
frequenza inferiore al 50% delle ore previste comporterà l’esclusione dal Corso e la perdita della
quota di iscrizione.
Attestato
Al termine del Corso, a coloro che avranno superato l’esame finale, verrà rilasciato un Attestato di
frequenza o formazione e qualificazione professionale, corrispondente a 6 cfu, secondo le vigenti
norme di legge.
Quote e modalità di iscrizione
La partecipazione è subordinata al versamento di una quota di importo pari a 300 euro. Una
riduzione del 25% è prevista per studenti già iscritti presso uno dei Corsi di Studio dell’Università
di Roma Tor Vergata, per dipendenti del MiBACT e per operatori culturali della Comunità Ebraica,
dietro presentazione di relativa autocertificazione inclusa nella domanda di iscrizione.
La domanda di ammissione va effettuata entro e non oltre il 30 aprile 2018, pagando la tassa
d’iscrizione al seguente IBAN: IT26X0200805168000400695175 specificando nella causale “Corso
di Formazione in Archeologia Giudaica”, e inviando i seguenti documenti: 1) Domanda di
iscrizione (secondo modello in allegato); 2) Breve curriculum vitae; 2) fotocopia della ricevuta di
pagamento; a: colapicchioni@lettere.uniroma2.it e marcella.pisani@uniroma2.it

Il numero massimo di partecipanti al corso è pari a 50, il numero minimo è pari a 20.
Contatti e informazioni:
Prof.ssa Marcella Pisani e-mail: marcella.pisani@uniroma2.it
Sig.ra Lorella Colapicchioni, Ed. B, st. 32/4; tel. 06/72595121; colapicchioni@lettere.uniroma2.it
Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società
Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Via Columbia 1, 00133 Roma